martedì 23 maggio 2017

Gastone il tacchino


Oggi vi presento Gastone, il tacchino più bello d'Italia (almeno lui è convinto di ciò ^___^ )
 

Vive da amici nostri (quelli che ci hanno dato le ochette), insieme ad un cavallo, un maiale vietnamita, tante galline, galli, oche, anatre e piccioni viaggiatori. E naturalmente si comporta "da tacchino", credendo di essere il padrone di casa (pardon: del cortile)



martedì 16 maggio 2017

Nuovi arrivi...


Eravamo rimasti con solo 2 galline nel pollaio. Ma oggi, finalmente (!), 
sono arrivate loro, le 4 ochette, covate e nate da amici in un paesino vicino :)


Il loro recinto, accanto a quello delle galline, era già pronto da un bel po' di settimane. 
E loro non hanno fatto molta fatica ad ambientarsi...



Il Pinu e la micia erano subito molto interessati ai nuovi co-inquilini del cortile...


...e dopo meno di un'ora l'amicizia era fatta anche con noi umani.


giovedì 11 maggio 2017

Feltrosa 2017

"Feltrosa" è il raduno annuale dei feltrai/delle feltraie italiane - e non solo! Quest'anno c'erano più di 60 partecipanti, e alcune arrivavano anche dalla Svizzera, dalla Germania, dalla Danimarca, dalla Finlandia, dalla Russia e persino dall'Australia.

4 giorni di convegni, corsi, laboratori.... una vero "festival" del feltro e della lana.
"Feltrosa 2017" si svolgeva nel Lazio, nel comune di Nazzano, solo 60 chilometri a nord di Roma.
Per me era la prima partecipazione, ma sicuramente non sarà l'ultima!!

Oggi, per il blog, solo una carrellata delle foto del laboratorio a cui ho partecipato io: "Superfici in movimento", un lavoro di nunofeltro in lana+seta.
Ma se volete sapere di più: ecco il sito di Feltrosa 2017   oppure cercate "Feltrosa" nelle pagine di Facebook.









EDIT: e completo questo post con una foto ufficiale, presa "in prestito" dalla fotografa di Feltrosa 2017, Mela D'Orazi. Ci siamo tutte, allieve e docenti, e naturalmente le nostre opere in nunofeltro :-)

domenica 30 aprile 2017

Eco-printing - ricominciamo


E anche quest'anno - con le nuove foglie sugli alberi - abbiamo ricominciato uno dei nostri "giochi" preferiti: l'ecoprint :)

Un week end dedicato esclusivamente a questo argomento. Come sempre a casa di Marisa, questa volta insieme a Lina, Tania e Giovanna.



Ieri era la "giornata dei tessuti di origine vegetale", quindi: cotone e lino.
Ecco le mie tele, che presto saranno trasformate in due camicette 
(1 in lino, 1 in cotone)





Oggi invece abbiamo lavorato con tessuti di origine animale, seta e lana.

 

lunedì 24 aprile 2017

Le uova e... la Pasqua in Franconia


E' un mese che non faccio un post sul blog. Un po' perché sono pigra, un po' perché ero in Germania per le feste di Pasqua. O meglio: ero in Franconia, la zona nord della Baviera dove sono nata e cresciuta...
Vi dico subito: faceva abbastanza freddo e c'erano pure delle sostanziose nevicate. Ma nulla può impedire ad un vero francone a fare la gita di Pasqua nella "Fränkische Schweiz", le colline a sudovest di Bayreuth (mia città natale).
Perché gli "Osterbrunnen" (fontane di Pasqua) fanno parte della nostra cultura. Migliaia di uova dipinte decorano le fontane nei piccoli villaggi, per festeggiare la primavera, il disgelo e la fertilità....



E naturalmente c'era anche il "coniglio di Pasqua" ("Osterhase"  in tedesco)
 



sabato 25 marzo 2017

Tendina verycountry...

... fatta con scampoli di tessuto e vecchi merletti (tutte prove ecoprint).
Sempre della serie: non si butta niente (o quasi :-)


L'ho usata per "chiudere" un mobiletto provvisorio in cucina. Ma se si mettesse alla finestra secondo me sarebbe ancora più bella, perché i merletti e pizzi farebbero passare la luce...


giovedì 23 marzo 2017

Foglie in legno - versione spille

Bottoni in legno a forma di foglie (vite, ginkgo biloba, liquidambar, pero) - trasformati in spille.
In visione (il righello serve per capire le dimensioni...)



martedì 21 marzo 2017

Pizza to go - ma con stile!

Un'amica mi ha chiesto "Adesso che stai cucendo un sacco di cose, mi faresti mica una borsa per portare a casa i cartoni con la pizza calda"?

Ci ho pensato un po', facendo vari progetti. Alla fine ha vinto la versione più vicina ai porta-torte che si vedono un po' in tutti i blog creativi.

Ecco la mia prima borsa porta-pizza:


Nella foto contiene 2 cartoni di pizza, ma ci stanno anche 3, forse 4 alla volta.


Non è un modello difficile da realizzare. Ma ci vuole un sacco di stoffa e anche un sacco di tempo, perché di cuciture ce ne sono veramente tante!

Bene, questo era il prototipo. Il prossimo porta-pizza forse con stoffa tinta/stampata da me. Vediamo...

venerdì 17 marzo 2017

Non è mai troppo tardi

Dopo anni e anni che ho "giocato" con la mia vecchia macchina da cucire, ho finalmente deciso di fare un corso di cucito.

Mi sono persino comprata una semplice taglia-cuci e devo dire: le rifiniture adesso sono veramente pulite (altro che quello ziczac che facevo prima....!)
Adesso posso finalmente trasformare i tessuti che tingo e stampo con la tecnica dell'ecoprinting in qualcosa di indossabile. E non solo - come fino adesso - in sciarpe e foulard, ma anche in semplici magliette, molto "squadrate", proprio come piacciono a me.

Ieri ho finito anche una casacca in vecchissimo lino (questo tessuto ha circa 100 anni di età!).
Sono indecisa se lasciarla color naturale, o tingerla (magari con l'indaco o con la cipolla) oppure metterci solo qualche applicazione colorata in ecoprint.
Lo deciderò presto, intanto mi godo la grande soddisfazione di essere riuscita a cucirla.


La prossima settimana ho un'altra lezione di cucito. Ho già in mente un nuovo modello, chi sa... :-)

martedì 21 febbraio 2017

Le foglie di vite barbera

Sottoprodotto del nostro vigneto di famiglia:
Le foglie di una vecchissima vite barbera che uso per l'eco-printing.
In questo caso hanno lasciato delle bellissime impronte quasi viola su una tela in jersey di lana (diventerà una camicetta penso).



Le foglie naturalmente sono quelle del 2016. Le ho raccolte in autunno, seccate e adesso messe in ammollo per qualche ora prima di usarle per l'ecoprint.

P.S. Le altre impronte sono di radice di robbia e di vari tipi di eucalipto

venerdì 17 febbraio 2017

Imitando la natura - le mie foglie di legno


In questi giorni di sole sto tanto bene sotto al mio portico-laboratorio-falegnameria che non so più cosa inventarmi...
Ed ecco il nuovo progetto, appena nato 2 giorni fa: "Foglie di legno"



Ho iniziato con una foglia di saliva e una di edera...

...aggiungendo quella di ginkgo biloba (qui ho lavorato sulla memoria, 
una foglia fresca al momento non ce l'ho!)
... e in fine anche di "albero di Giuda", di "albero dei tulipani" 
e della normalissima quercia.

Sono tutti fatti con legni del mio orto (soprattutto legno di ulivo), e possono diventare bottoni decorativi (da applicare su maglie o creazioni in tessuto), ciondoli, orecchini, 
ecogioielli, pomelli per ante e cassetti e molto altro ancora. 
Dipende dalle misure e da dove di faranno i fori...

Ho già in mente altre foglie da "imitare", per fortuna la natura è molto varia, 
gli spunti non mancheranno di sicuro!