mercoledì 28 giugno 2017

Giugno 2017 - tanto caldo e tanti lavori



E' finito anche giugno. Era un mese molto caldo da noi, e anche un mese pieno di attività - nell'orto, nel vigneto, e anche nel mio piccolo laboratorio.

Vorrei fare un "riassunto fotografico", soprattutto per me stessa (per non dimenticare), ma anche per voi - se vi interessa.

Comincio con alcune shopper che ho realizzato con scampoli di lino e di cotone, precedentemente tinti con indaco oppure con il metodo eco-printing.


Poi una casacca in lino molto leggero che ho colorato in modo un po' "incasinato" (sto vivendo un periodo "astratto", hihi): con buccia di cipolla e di melograno, petali di rosa, rametti di casuarina, un po' si radice di robbia, fiori di coreopsis e anche anthemis (la "camomilla dei tintori")




Un'amica mi ha procurato qualche metro di garza di lana, e la sciarpina che si vede nelle 2 foto che seguono è il risultato del primo tentativo di ecoprint con il nuovo materiale:



Al mercato delle pulci ho trovato per pochi Euro una vecchia canotta (forse biancheria intima dell'epoca), e anche lei è entrata nel calderone dei fiori di stagione:
Stesso destino per questo vestitino in cotone...
... il quale ho subito usato per fotografare due mega-ciondoli in legno di ulivo e pietre dure very-vintage:


Non mancavano neanche i lavori in legno. Per un amico ecoprinter ho creato un po' di accessori, bottoni in ulivo e anche una dozzina di spille a forma di foglie (sempre legno di ulivo):



E last but not least ... la mia nuova "scoperta": il nunofeltro! Con garza di seta e lana merinos volevo creare un collo. Ma... il risultato non era per niente come aspettavo. E così l'ho tagliato un po' e applicato in fondo alla casacca di lino-vintage che avevo cucito in primavera. Ero sempre molto indecisa se colorare questa casacca o lasciarla "nature". Bene, adesso ho trovato un buon compromesso. Della serie: anche gli "errori" possono essere trasformati in soluzioni :-)



12 commenti:

  1. Wonderful! Love the colours you have reached.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Dawn! I'm very happy with these colours, too :-)

      Elimina
  2. Vedendo tutte queste belle cose mi è venuta voglia di comprare qualcosa : Il vestito, la casacca ultima se non è proprio tanto lunga, una shopper (dell'ultime foto , forse la prima ) e una spilla questo l'avevo già detto...Quante belle cose !!!
    Buona estate!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franca Rita, grazie :-)
      I vestiti li ho fatti per me e per un'amica. Ma per shopper e spille possiamo metterci d'accordo. Se vuoi scrivimi in privato.
      Buona serata, a presto

      Elimina
  3. Love the colours you have acheived on the clothes

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Debbie! I love them too :-)

      Elimina
  4. C'è da rimanere davvero a bocca aperta! Complimenti per i bellissimi risultati e per l'ultima idea che trovo speciale! Un vero laboratorio d'arte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pia! Mi sono "divertita" molto fare questi lavori. Ma a chi lo dico?! Tu sai benissimo come vanno queste cose... ^__^

      Elimina
  5. Ma bravissima Helga! Una cosa più bella dell'altra, Davvero! Sei un'artista! Ma dimmi hai un negozio on line? Tipo etsy?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non Ely, ho chiuso in Etsy e anche in DaWanda. Diventava troppo stress gestire negozi online. Preferisco fare qualche mercatino ogni tanto (non molti in realtà) e soprattutto fare lavori per me, per amici e qualche raro "cliente" che mi contatta via internet e in privato. Se ti interessa, fammi sapere ;) Ciaooo

      Elimina
  6. Ciao Helga! Che belle le tue creazioni! Ho scoperto il tuo blog per caso cercando notizie sull'ecoprinting..Vorrei stampare su del cotone bianco robusto (quello delle lenzuola di una volta). Mi potresti dire che piante riescono a colorare il cotone per favore? Va bene bollitura in acqua e aceto anche per il cotone? Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Su tessuti di origine vegetale (cotone, lino, canapa) non basta l'aceto (quello basta solo per lana e seta), ma si deve mordenzare. La mordenzatura classica in questi casi si fa con allume di rocca e soda Solvay oppure con latte di soia. E' un po' troppo difficile da spiegare qui. Se hai un account in Facebook potresti iscriverti in un gruppo che si chiama "ecoprint e tintura naturale". Lì trovi molti ecoprinters italiani e si scambiano consigli, idee, "ricette". Per quanto riguarda le piante: foglie di scotano, foglie di acero, foglie di prunus nero, foglie di sommaco sono alcune di quelle "quasi sicure" anche su cotone. Anche la buccia di cipolle tinge bene eppure quella dei melograni. Poi ce ne sono tante altre... Ciao, buon lavoro ;-)

      Elimina